InAbruzzo.com

- https://www.inabruzzo.com -



Migranti: Sospiri, inagibile struttura a Manoppello

30 novembre 2016 @ 18:26 Categoria: Politica

[1]Pescara – “La struttura individuata dalla Cooperativa Polis per ospitare i presunti profughi a Manoppello, ovvero ‘I Calanchi’ a Colle Sant’Andrea, e’ inagibile, non e’ dotata di tutti i requisiti necessari per garantire l’accoglienza, dunque non puo’ ospitare nessuno.
Lo hanno detto oggi in un documento il vicesindaco di Manoppello, Melania Palmisano, e il capogruppo consiliare della lista ‘Uniti per Manoppello’ che hanno sollevato la pesante problematica in una lettera indirizzata all’Ufficio Tecnico comunale e al sindaco chiedendo che, in assenza dei requisiti richiesti, non venga rilasciato quel certificato di agibilita’, anche alla luce della petizione sottoscritta da 800 cittadini preoccupati di quanto accadra’ nella loro cittadina tra pochi giorni, richiesta che ovviamente sosteniamo e per la quale siamo pronti ad aprire un nuovo fronte di battaglia”.
Lo ha annunciato il capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri rendendo nota la lettera. “Siamo francamente stanchi della strumentalizzazione populista operata sulla pelle dei presunti profughi, gente che non scappa da guerre, ma da una condizione di poverta’ per venire nel nulla, ovvero nel nostro Paese dove si aggiungono alle nostre emergenze di degrado – ha sottolineato Sospiri -. Coloro che si prestano al business continuano a parlare di ‘accoglienza della misericordia’, di principi come la solidarieta’, peccato che per la loro misericordia e solidarieta’ siano disposti a concedere l’uso dei propri immobili solo a pagamento, e infatti l’imprenditore di Manoppello ha ammesso di aver concesso l’uso del proprio agriturismo per i migranti solo per far fronte alla crisi che attanaglia, evidentemente, la sua azienda. E peccato, ancora, che questa misericordia si possa esercitare solo ai danni di 7mila anime di Manoppello che si vedono piombare dentro casa 24 migranti di cui non sanno nulla: non sappiamo da dove arrivano, perche’, non conosciamo i loro veri nomi e cognomi, ne’ quali intenzioni abbiano. E’ ora di finirla con il falso buonismo e con l’ipocrisia: quello degli immigrati e’ un business che non intendiamo piu’ tollerare”.


URL: https://www.inabruzzo.com/?p=278841

URLs in this post:

[1] Image: https://www.inabruzzo.com/wp-content/uploads/2016/11/th18.jpg



Copyright © 2009 InAbruzzo.com. All rights reserved.